Dorkbot si sposta su Skype …..occhio

Una vecchia conoscenza, almeno per quanto riguarda gli appassionati di FB, Dorkbot che era qule malaware che faceva comparire una finta finestrella di chat, con dei link fraudolenti, che avrebbero poi portato all’installazione di spyware sul proprio computer. Che sarebbe poi finito in una botnet subito dopo, pronto per essere usato da terzi per scopi illeciti.

La minaccia sembrava sanata e per qunato riguarda il noto social network è proprio così, ma dopo questa cura che sembrava averlo debellato, come l’araba fenice Dorknet risorge dalle sue ceneri e riappare su Skype
E lo fa con le medesime modalità : messaggi scritti truffaldini in inglese o tedesco, del tipo “lol is this your new profile pic?”. Cliccando sul link si scarica un file compresso con dentro degli eseguibili, riconosciuti dall’azienda di sicurezza Sophos come i “trojan” Troj/Agent-YCW o Troj/Agent-YDC. Virus pronti ad aprire una porta nel computer di chi li lancia, e di conseguenza la strada ai malintenzionati.
 C’è di peggio: oltre a garantire accesso esterno al computer, Dorkbot allaccia la macchina a una rete pirata, una botnet appunto, e procede ad escludere l’utente dall’accesso ai suoi file. Questi diventano inaccessibili, e poi arriva un messaggio criminale: saranno cancellati se entro 48 ore l’utente non versa 200 dollari ai cybercriminali. Un vero e proprio furto con riscatto.
Secondo Sophos, gli utenti di Skype tendono a fidarsi di più del loro network chiuso di contatti, rispetto a quanto avviene su Facebook. In questo caso però il worm Dorkbot ha fatto il salto di qualità, e anche sul popolare software di Voip, è quanto mai opportuno prevenire prima di curare. Come proteggersi? E’ sufficiente non cliccare su link contenuti in messaggi di provenienza sospetta, o da contatti non presenti nel proprio elenco.

Tags: ,,,

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*